cancelleria 1

Urban Vision celebra l’Earth Day con due maxi affissioni a Roma e Milano

22 aprile 2016

Il Palazzo della Cancelleria di Roma e Colonne San Lorenzo di Milano accolgono le maxi affissioni dedicate alla celebrazione della Giornata Mondiale della Terra. Protagonista: “L’albero motore”, la fotografia vincitrice del concorso La Terra: un tesoro da custodire, indetto da Urban Vision, con il sostegno di Earth Day Italia.

Colonne San Lorenzo

Il concorso fotografico, nato per sensibilizzare il pubblico alla tutela ambientale e all’amore per i patrimoni artistici e naturali del Pianeta, ha ricevuto in soli 29 giorni 823 fotografie candidate, 746.741 utenti coinvolti sulla fanpage ufficiale, 13.788 utenti attivi e 132.755 visualizzazioni sul sito dedicato all’iniziativa.

“Siamo entusiasti della risposta dei tantissimi che hanno accolto il nostro appello, è un segnale importante e non va lasciato inascoltato – ha commentato Gianluca De Marchi, Presidente di Urban Vision – Abbiamo ricevuto una varietà di immagini di altissima qualità che raccontano la sensibilità del pubblico e costituiscono un unico solenne inno alla Terra. Ringrazio Earth Day Italia e il Presidente Sassi per aver patrocinato con grande partecipazione questo progetto.”

Fotografi professionisti, appassionati dell’arte o amatori hanno preso parte al concorso proponendo la propria idea di tesoro da custodire: dai panorami suggestivi alle meraviglie della natura, passando per i monumenti storici, opere d’arte, paesaggi cittadini e piccoli borghi troppe volte dimenticati. A decretare il vincitore, una giuria di esperti guidata dal maestro della fotografia Oliviero Toscani.

Earth Day Italia è stata al fianco di Urban Vision per diffondere, attraverso questa iniziativa, l’importanza della sensibilità ambientale – dichiara Pierluigi Sassi, Presidente di Earth Day ItaliaLe problematiche legate alla tutela del Pianeta sono entrate con forza nelle nostre case, iniziative come questa invitano alla partecipazione attiva del pubblico: si può amare la Terra cominciando dalla quotidianità. Siamo ancora in tempo per far sì che questi problemi non divengano irreversibili. Ricordando il detto caro a Papa Francesco: ‘Dio perdona sempre, l’uomo a volte, la Terra mai’.